Accessibility

Font size

Filters

Highlight

Colour

Zoom

Giardini Botanici di Gilbiterra: gli Alameda Gardens


Gli spettacolari Alameda Gardens furono aperti al pubblico per la prima volta nel 1816 e ci sono una serie di busti commemorativi e cannoni che risalgono al XVIII e XIX secolo. Per la maggior parte dei visitatori, tuttavia, è la bellezza delle piante e degli alberi che rendono l'Alameda un posto così magico; molte sono specie native mentre altre sono importate. In determinati periodi dell'anno, vari eventi culturali si svolgono nel teatro all'aperto dei giardini. Sono disponibili anche tour dei giardini botanici. Qui si possono vedere due importanti monumenti, ma il posto d'onore va alla colonna General Elliot e all'imponente armatura di bronzo ai suoi piedi. All'ingresso ci sono due dei quattro cannoni russi donati a Gibilterra dalla Gran Bretagna, per l'aiuto di Gibilterra durante la guerra di Crimea, nel 1858. Le piante principali dei Giardini Alameda fin dai primi giorni erano il pino domestico, l'olivo selvatico e l'albero del drago. Sembrerebbe che alcuni di questi alberi, che sopravvivono ancora, siano anteriori all'apertura del giardino e quindi hanno almeno 200 anni. Piantumazioni successive a questo hanno incluso specie provenienti dal Sud Africa (ad esempio il plumbago capensis, l’aloe arborescens, il capensis, la tecomaria capensis) e dall’ Australia (ad esempio la melaleuca decussata), probabilmente a seguito di contatti di spedizione tra Gibilterra e le altre colonie in rotta verso l'Australia.

L’albero del drago: l’albero del drago proviene dalle isole atlantiche delle Canarie, Madeira e Capo Verde. È un membro insolito della famiglia dei gigli. La resina rossa che rapidamente cristallizza veniva usata in medicina e conosciuta come sangue di drago. La corteccia liscia e grigia ricorda la pelle di un elefante. Le sue pannocchie di fiori bianchi appariscenti appaiono irregolarmente in estate e producono frutti di arancio brillante come frutti di bosco in inverno. Il più antico albero di drago nei giardini ha probabilmente circa 300 anni, e c’è chi afferma che vivono fino a 1.000 anni.

Pino domestico: è nativo del Mediterraneo dove è favorito dalle posizioni costiere sabbiose. I pinoli prodotti nei coni arrotondati sono commestibili. Questi "piñones" arrostiti e ricoperti di zucchero sono una prelibatezza. I coni e le nocciole nei giardini sono spesso mangiati da ratti di alberi frugivori prima che cadano a terra. La superficie esterna della corteccia di questo albero nei giardini ha circa 200 anni. Il pino d'Aleppo è meno comune nei giardini. Ha coni appuntiti, semi alati, non commestibili e corteccia più finemente marcata rispetto al Pino domestico. C'è un grande pino delle Canarie nella parte superiore del giardino. L’ ulivo selvatico: l'albero più comune dell'Alameda, l'ulivo selvatico, produce piccoli fiori bianchi in estate, seguiti da piccole olive nere in inverno. Troppo amaro per il consumo umano, è il cibo preferito dagli uccelli svernanti, compresi le capinere. Il legno è forte e resistente. Questo albero è l'antenato dell'ulivo coltivato.

Albero di ortica: associato agli olmi, questo albero ha foglie a forma di ortica che non pungono. Probabilmente originario di Gibilterra, dove avrebbe formato parte dell'antico bosco che copriva quella che oggi è la zona della città. Un albero a foglie decidue con fogliame verde brillante in primavera, che diventa più scuro man mano che l'estate avanza. La sua corteccia grigia è liscia. C'è un albero di ortica al centro dello stagno dei leoni (Lions’ Pond).

Quercia di seta australiana: esiste un solo esemplare di questo albero nei giardini, nella zona più meridionale (Atlantic Island Bed). La sua fioritura primaverile è spettacolare con fiori arancioni e rossi che producono abbondanti quantità di nettare che attira api e uccelli. Palma di datteri delle Canarie: la palma comune di Gibilterra è originaria delle Isole Canarie. Ha lunghe fronde e datteri arancio, non commestibili.

Washingtonia: una palma dalle grandi foglie a ventaglio, proveniente dai deserti del Nord America. Uno dei due grandi esemplari del Dell ha conservato la sua "sottoveste" di vecchie foglie.

Lord Howe Island Palm: due di queste palme affascinanti crescono nel Dell sopra il ponte. Furono presumibilmente donati ai giardini come piante giovani da un'anziana signora il giorno in cui fu evacuata nel 1941, durante la Seconda Guerra Mondiale. Altre specie di palme vennero aggiunte in seguito alla collezione del giardino.

Ibiscus: conosciuto anche come "rosa della Cina", molte varietà affascinanti di questo arbusto tropicale crescono nei giardini, in particolare nell’Aiuola dell’Ibiscus e nel Dell dove ci sono un certo numero di forme particolarmente belle a fiore grande. L’ Aiuola dell’Ibiscus contiene anche altre specie di ibisco, tra cui l'ibisco di malva di palude e l'ibisco con frange, così come altri membri della famiglia di ibisco o malva.

Bougainvillea: prende il nome dall'esploratore francese Louis de Bougainville, queste vistose piante rampicanti provengono dal Sud America tropicale. Tra le varie varietà che crescono nei giardini, il viola e il rosso intenso sono i più spettacolari, specialmente durante il principale periodo di fioritura in estate. Il colore è fornito da foglie modificate chiamate brattee, mentre i fiori bianchi sono piccoli e insignificanti.

Margherite: ci sono numerosi esemplari di questa famiglia nei giardini. I piccoli fiori blu brillante con il centro giallo sono le Felicia del Sud Africa. Le margherite tutte gialle sono le Euryops, anch'esse sudafricane. Anche da quella stessa regione ci sono le Gazania dalle foglie grigie e l'arbusto Arctotis (spesso con fiori arancio). I cespugli arrotondati con fiori bianchi con centri gialli, all'inizio della primavera sono le margherite delle Canarie. Si possono vedere anche una margherita rampicante e un albero margherita, del Messico. Rampicanti, erbacee e aeree: numerose altre rampicanti, erbacee e aeree sono comuni nei giardini, spesso modellate in siepi. Con fiori tubolari arancio brillante è il Caprifoglio del Capo, proveniente dal Sud Africa. Anche sudafricano è il Plumbago con fiori blu pallido. C'è un glicine cinese sopra la fontana superiore del Dell, mentre sul ponte crescono Bougainvillea, Lantana e il Glicine, oltre al Solandra e al Giglio nativo australiano. Sparsi per i giardini ci sono un certo numero di Caprifoglio, Gelsomino e Gelsomino notturno o “Dama de Noche", con il suo intenso profumo nelle sere d'estate.

Arbusti e bulbi: alcuni dei cespugli più evidenti dei giardini sono gli Oleandri, con fiori rosa, bianchi o giallastri in estate, l’Adonide con fiori blu pallido a fine inverno e la nativa Coronilla Valentina con fiori profumati di colore giallo brillante a fine inverno e all'inizio della primavera. Una pianta tradizionale della Alameda che è stata ripiantata in varie aree è l'Eliotropio che ha fiori blu pallido e un profumo di torta di ciliegie travolgente. La Viperina Azzurra è un altro arbusto con affascinanti fiori blu. A fine estate le trombe rosa dei gigli Bella Donna sbocciano dal terreno asciutto. In inverno e in primavera, invece, si vedono grappoli di foglie verde scuro. Agapanto con fiori blu e l’Antholyza Aethiopica, con fiori arancio sono altre due bulbose dell'Africa meridionale all’interno dell’Alameda. Pelargoni: comunemente noti come gerani, queste piante, che provengono principalmente dal Sud Africa, crescono bene nel clima simile di Gibilterra. Un certo numero di varietà coltivate cresce intorno ai giardini, mentre in certe zone si possono vedere specie originali. Queste includono l'affascinante Pelargonium con foglie di quercia e altre specie con foglie profumate.

Succulente: diverse aiuole sono dedicate alle succulente delle regioni aride del mondo. Molte famiglie di piante hanno sviluppato qualche forma di abitudine di piante grasse. Le migliori presenti nell’ Alameda includono Aloe: principalmente dall’Africa del Sud e hanno spighe di fiori tubolari, spesso rossi. Questi sono impollinati dagli uccelli marini in Africa e attirano anche gli uccelli a Gibilterra per nutrirsi del loro abbondante nettare. La più comune è l'Aloe Barberae che fiorisce in inverno. Euforbia: le euforbie o ‘spurges’ in inglese, hanno molte forme, comprese quelle, come il Candelabro di Euphorbia che assomigliano ai cactus colonnari. Altre forme visibili nell’aiuola principale delle succulenti sono rappresentate, ad esempio, dall’ Euphorbia Stenoclada e l’Euforbia Milii Hislopii. La piccola zona delle succulente vicino al teatro è dedicata alle piante del deserto di Sonora nel Nord America.

Gibilterra e Mediterraneo: piante selvatiche si trovano in tutte le aiuole dei giardini, con alcune zone particolarmente dedicate a loro. Le piante di Gibilterra da vedere sono l’Iberis Gilbratarica, l’Ononis di Gibilterra e la rarissima Silene Tomentosa. Nell’aiuola del Mediterraneo in particolare, ci sono piante di Lavanda tipica e l’Eliantemo, così come arbusti leguminosi e piante bulbose o rizomatose come il Narciso Papiraceo, il Giant Squill e l’Asfodelo.

Altre aiuole: alcune delle aiuole sono dedicate alle piante della California, dell'Australia, del Sud Africa e delle Canarie, regioni con un clima simile a quello di Gibilterra. I Family Beds mostrano le piante in base alle famiglie d’appartenenza selezionate.

Fauna selvatica nei Giardini: erbicidi e pesticidi non sono usati nell'Alameda, per questo c'è una ricca fauna selvatica. Le specie di uccelli che nidificano nei giardini includono l’Occhiocotto, la Capinera, il Merlo, il Pettirosso, il Verdone, il Serin e lo Scricciolo. In Inverno si aggiungono la Grigia e la Bianca Motacilla, il Luì Piccolo, Codirosso Spazzacamino, Fringuello, il Rampichino comune e, occasionalmente, il Martin Pescatore, mentre notevoli uccelli di passo sono l’Upupa, il Codirosso, l’Averla Capirossa e i Titrannidi. I Gheppio (durante tutto l'anno) e l’Aquila Minore (in inverno) cacciano regolarmente a terra. I rettili includono il Geco Moresco, la Lucertola Iberica, l'Anfisbena e l'inoffensivo Colubro Ferro di Cavallo. Tra i pipistrelli, i Pipistrelli Nani sono i più comuni (si vedono spesso durante il giorno), mentre si vedono anche il Miniottero di Schreiber e il Molosso di Cestoni. Gli Alameda Gardens sono privi di torba. La fibra di cocco e il nostro stesso materiale compostato vengono utilizzati per non favorire la distruzione delle torbiere nell'Europa settentrionale, che sono importanti habitat della fauna selvatica.

ORARI DI APERTURA

Lun-Dom
09:00 - 18:00

Scoprire altre attrazioni della zona